VICTOIRE GOULOUBI

Photo credit: VICTOIRE GOULOUBI

Sono nata in Congo, Repubblica del Congo, ho 39 anni e vivo nella provincia di Milano. Ho fatto la maturità classica, un paio di anni di università in Congo e poi ho frequentato la scuola alberghiera in Veneto. Finiti gli studi ho lavorato per circa dieci anni in giro per l’Italia sotto la guida di chef stellati. Ho incontrato varie avversità nel mio percorso, in particolare legate alla mia figura di donna in cucina. Il mondo della cucina viene visto come un mondo per uomini perché è un mondo obiettivamente duro.

La cucina però nella storia è stata sempre un’arena per donne e lavoro affinché le donne possano riguadagnare il loro spazio nel mondo degli chef. Così, con il tempo, sono diventata chef a mia volta, ricevendo anche premi. Ho avuto per un certo tempo un ristorante, che mi ha tolto salute per l’impegno richiesto ma mi ha anche dato visibilità. Nel 2015, sono stata nominata Ambassador per la cucina ad Expo e nel 2016 ho partecipato a un film della regista Verane Frediani “alla ricerca delle donne chef nel mondo”. Sono creatrice e presentatrice dello show televisivo “the touch of Victoire 2019/2020”, per il Gambero Rosso Channel Sky.

Attualmente sono libera da impegni lavorativi e mi godo mio figlio, appena nato. Una delle sfide superate è stata quella dell’integrazione, una sfida difficile per tutti gli immigrati in Italia. Di sfide però ne abbiamo ogni giorno e ogni giorno voglio impegnarmi per evolvermi come chef, come madre o come moglie. Il mio primo obiettivo è la salute perché il corpo riscuote sempre ogni debito. Il secondo obiettivo è quello della famiglia. Coniugare carriera e famiglia trovo sia necessario per ogni donna.

La mia mia filosofia di vita: imparare ogni giorno, scoprire nuove cose e crescere ogni giorno. Senza mai dare tutto per scontato. I miei sogni nel cassetto sono un nuovo ristorante qui e una scuola di cucina in Africa, per dare la speranza a giovani africani di poter eccellere nel campo della cucina. Un modello inspiring: mia madre. Non è stata la first lady, però è una donna che ha saputo crescere 10 figli assicurando loro un’educazione e sapendo coniugare la famiglia con il lavoro. Ovvio, mia madre è piuttosto tradizionale e io invece ho una visione della donna più in linea con i nostri tempi.

Quali sono i gusti di una chef in materia di food? Sono una fan del vero cibo giapponese. Da quando ho scoperto in Occidente il crudo, non l’ho più abbandonato. Cuocere il cibo è facile per tutti mentre mangiare crudo non è stato una cosa facile. Per i viaggi, dico senza esitare: Asia, Asia e ancora Asia. Più Asia è meglio è!